Cerca
Close this search box.

ARGOMENTI

ARTICOLI RECENTI

SCRIVICI 

Contatti Sidebar

Paralisi nel Canale di Suez: aggiornamenti e previsioni sul commercio internazionale via mare

15 gennaio 2024

Cosa sta succedendo al trasporto marittimo internazionale a sud del Canale di Suez?

Alla luce degli ultimi attacchi dell’esercito ribelle yemenita degli Houthi, i principali vettori marittimi internazionali hanno modificato il precedente routing che prevedeva il passaggio attraverso il Canale di Suez, dirottando le navi verso il Capo di Buona Speranza ed evitando così la rotta del Mar Rosso, al fine di garantire la sicurezza dell’equipaggio e delle merci.

Attualmente 291 navi cargo (che corrispondono a quasi 4 milioni di TEU) stanno circumnavigando l’Africa verso Est od Ovest, ma il numero delle navi che interromperà il transito nel Mar Rosso è destinato ad aumentare, fino a raggiungere il totale di 378 navi, che rappresentano 5,3 milioni di TEU, equivalenti al 22% del commercio globale dei container.

Questa interruzione, unita all’attuale congestione del Canale di Panama dovuta a problemi di pescaggio, è destinata ad avere importanti ripercussioni nelle rotte commerciali provenienti da India, estremo Oriente e Cina e destinate a:

  • Mar Rosso
  • Mediterraneo e Mar Nero
  • Nord Europa
  • Costa Orientale degli Stati Uniti

Di seguito le plausibili conseguenze che ne deriveranno:

  • Si stima che il tempo di transito verso il Mediterraneo e il Mar Nero subirà un aumento di 15-20 giorni;
  • Si stima che il tempo di transito verso il Nord Europa sarà prolungato di circa 15 giorni;
  • La disponibilità degli equipment nei porti in origine diminuirà a causa dell’aumento dei tempi di transito;
  • Aumento del costo del carburante (a causa del transito più lungo) e dei costi assicurativi;
  • Ulteriori aumenti dei noli mare (PSS/GRI) da parte delle principali compagnie marittime;
  • Possibile aumento del traffico aereo e ferroviario per far fronte alle richieste di approvvigionamento delle materie prime.

Noi di Kerry Logistics | Tuvia Italia continueremo a monitorare da vicino la situazione e vi forniremo aggiornamenti costanti sull’evolversi della situazione. Il nostro obiettivo resta quello di fornire il miglior servizio possibile ai nostri clienti, rispondendo in modo proattivo a queste sfide.

Per maggiori informazioni non esitare a contattarci:

Martina Nazzari

Ocean Department Export Manager

Kerry Logistics | Tuvia Italia

martina.nazzari@kerrylogistics.com

Condividi sui social