Cerca
Close this search box.

ARGOMENTI

ARTICOLI RECENTI

SCRIVICI 

Contatti Sidebar

Spedizioni internazionali via mare: una guida utile sul trasporto marittimo

Se sei un’azienda che intende esportare all’estero, la scelta del mezzo di trasporto deve essere oggetto di un’attenta valutazione in funzione del tipo di merce da esportare, della distanza, della celerità con cui deve giungere a destinazione, del volume, del peso, del valore intrinseco.

Il criterio di scelta del mezzo di trasporto si fonda su tre elementi essenziali:

  • COSTO: quale variabile strategica di una politica all’esportazione, che comprende il prezzo del nolo e le spese accessorie (spese di imballaggio, di carico e scarico, di magazzinaggio, i premi assicurativi, ecc.)
  • RAPIDITÀ: vista in funzione della possibilità di evitare penali per ritardi nell’esecuzione del contratto o quale strumento per rispettare le condizioni di un credito documentario
  • SICUREZZA: quale fattore chiave per evitare all’esportatore il rischio di dover rimpiazzare merci avariate o di compromettere una buona immagine di marca presso la clientela estera.

Le principali modalità di trasporto per le spedizioni internazionali sono le seguenti: trasporto via mare, aereo, stradale, ferroviario e intermodale.

Il trasporto aereo, ad esempio, ha tra i suoi punti forti velocità e bassissimo rischio di danni, e per questo si presta particolarmente alle spedizioni di merci fragili, di valore o urgenti, anche se i costi sono elevati.

La velocità nelle tempistiche è senza dubbio la più importante differenza tra il trasporto marittimo e quello aereo, ma non è l’unica. Le spedizioni via mare sono caratterizzate dalla variabilità delle date di partenza e arrivo, dai costi bassi di trasporto, ma alti di imballaggio e  possibilità di rischio di danni alla merce.

TIPOLOGIE DI NAVI UTILIZZATE PER LE SPEDIZIONI INTERNAZIONALI VIA MARE

  • Nave da carico – General cargo ship

Così definita in quanto il suo impiego è finalizzato al trasporto di merci in genere.

  • Nave porta contenitori – Containers shipping Lo/Lo – Containers shipping Ro/Ro

Nave progettata per il miglior sfruttamento dello spazio destinato a ricevere containers. Può anche avere locali adibiti al carico tradizionale o spazi per l’imbarco di mezzi rotabili.

  • Nave traghetto – Ferry boat – Roll on/Roll off

Nave costruita con criteri che rendono possibile l’imbarco e lo sbarco di mezzi semoventi nonché semirimorchi o carrelli ferroviari da rimuoversi con motrici stradali.

  • Navi cisterna – Tankers

Con tali navi vengono trasportati carichi liquidi costituiti prevalentemente da petrolio e suoi derivati, ma anche da olio commestibile, vino, acqua ecc. Le cisterne, nella quasi totalità dei casi, hanno pareti vetrificate che rappresentano una maggior tutela per il prodotto e facilitano le operazioni di lavaggio.

  • Navi di linea – Liners

Si differenziano dalle cosiddette navi volandiere per il loro impiego in servizio regolare di linea,con itinerari, scali ed orari prestabiliti e pubblicizzati.

  • Navi volandiere – Trumps

Navi che non effettuano servizio regolare di linea, ma fanno scalo nei porti ove sia prevista la possibilità di imbarcare merce o concludere un contratto di noleggio.

  • Navi frigorifere – Refrigerated carriers

Adibite al trasporto di generi alimentari (carne, frutta, verdura ecc., freschi o congelati) che devono essere conservati a diverse basse temperature. Sono munite di pareti delle stive termicamente isolate e dotate di impianto frigorifero.

  • Navi gasiere e metaniere – Gas carriers

Adibite al trasporto di gas (propano, butano, metano, ecc.) liquefatto a temperatura ambiente, reso liquido per compressione; oppure se, per raffreddamento, a pressione atmosferica.

  • Navi porta chiatte – Lash carriers

Dispongono di proprie attrezzature che consentono l’imbarco e lo sbarco di chiatte senza l’ormeggio a banchina.

  • Navi porta rinfusa – Bulk carriers

A differenza delle navi da carico, dispongono di stive atte esclusivamente al trasporto di carichi secchi quali grano, riso ecc. Appartengono a tale categoria anche le navi adibite al trasporto di minerali.

  • Navi porta rinfuse miste –Ore/Bulk/Oil carriers

Adibite al trasporto di carichi di elevato peso specifico (minerali) e prodotti petroliferi, oppure carichi liquidi o secchi di peso specifico relativamente basso, ma che saturano la portata della nave.

DIFFERENZA TRA GENERAL CARGO E PROJECT CARGO

GENERAL CARGO

Comprende tutte le merci il cui carico necessita di un alloggiamento particolare. (Unità)

Tali merci sono in genere imballate o comunque contenute (legate tra loro, disposte in determinato ordine); ne fanno parte i cosiddetti colli, pallet, scatoloni, rotoli, tronchi ecc.

La movimentazione del carico non può di regola avvenire con pompe o impianti completamente automatizzati, bensì con gru manovrate con supporto di personale di stiva e di banchina più oneroso che nei trasporti di tipo bulk. (Bulk carrier o porta rinfuse sono navi che possono trasportare carichi non-liquidi e non unitarizzati in container o pallets).

PROJECT CARGO

Project Cargo riguarda il trasporto di materiali voluminosi e pesanti, ivi compresi componenti di apparati industriali che non possono essere trasportati come singola unità di carico.

Hai bisogno di un preventivo per una spedizione via mare per esportare o importare le tue merci?

Condividi sui social